L'inserimento

L’inserimento è il periodo iniziale di conoscenza ed ambientamento all’asilo da parte del bambino e della propria famiglia: una fase delicata ma fondamentale che permette ad educatori, genitori e bambini di conoscersi reciprocamente. L’integrazione del bambino avviene in maniera dolce e graduale, rispettando i suoi tempi, carattere ed abitudini, per consentirgli di superare serenamente le difficoltà dovute al distacco dai propri familiari e dall’incontro con un ambiente e persone estranee.

Nel nostro asilo cerchiamo di seguire un iter orientativo che, a seconda delle esigenze del bambino può essere modificato nei tempi e dunque personalizzato. E’ importante procedere con gradualità per far intraprendere questo percorso al bambino e alla famiglia in maniera meno traumatica possibile affinchè possano entrambi vivere con serenità e spensieratezza la sua esperienza.

COME AVVIENE L’INSERIMENTO

Il primo giorno (lunedì) il genitore (o un altro membro della famiglia) si trattiene all’asilo per due ore circa, restando tutto il tempo nell’aula dov’è il bambino. Le educatrici lo conosceranno e cercheranno gradualmente di instaurare con lui un primo rapporto, sempre in compagnia del genitore, ma al tempo stesso lasciandolo in molti momenti libero di “esplorare” l’ambiente che lo circonda e dunque: gli spazi, i giochi, gli altri bambini etc.

Dal grado di autonomia, curiosità e tranquillità dimostrata, ed attentamente osservata, si valuterà come procedere per il giorno successivo. Qualora il primo impatto sia stato sereno il secondo giorno la permanenza del bimbo resterà sempre di due ore ma facendo assentare il genitore l’ultima mezz’ora, per poi ricomparire all’orario previsto per l’uscita. Il terzo giorno la permanenza sarà di tre ore con l’intera ultima ora di pausa per il genitore. Il quarto giorno la permanenza sarà di nuovo di tre ore ma con le ultime due di pausa ed il quinto giorno (il venerdì) lo si porterà al primo pranzo, facendo rimanere il genitore giusto il primo quarto d’ora.